La guida per la sicurezza dei bambini in casa

0
S

i dice comunemente che “il bambino vive in un mondo adulto, progettato dagli adulti per gli adulti”.

Se questa affermazione è reale, deve essere anche vero che gli incidenti dei bambini sono prevedibili e prevenibili, che la loro tipologia varia sicuramente a seconda della fascia di età e dell’ambiente in cui si trovano, della struttura, dell’impianto o dell’oggetto con cui entrano in contatto e soprattutto del ruolo degli adulti a cui è affidata non solo la cura e l’educazione, ma la attenta custodia dei minori.

SAF
Ècosì che si apre la guida per i genitori sulla sicurezza dei bambini in casa pubblicata dal Ministero della Salute. Una guida che ha lo scopo di sviluppare questa consapevolezza, di eliminare o almeno a ridurre i rischi che, quindi, devono essere conosciuti e, conseguentemente, stimolare l’adozione di comportamenti idonei.

I rischi e gli accorgimenti per creare un ambiente sicuro e idoneo per i bambini variano con le fasi di accrescimento. La guida sulla sicurezza dei bambini in casa focalizza l’attenzione per ogni fase di crescita del bambino, da 0 a 6 anni, mettendo in evidenza tutti i rischi che si mascono nell’ambiente domestico.

La guida del Ministero della Salute non si rivolge solo ai genitori, che  certamente un ruolo strategico nell’impostare la consapevolezza dei rischi e la conoscenza della potenziale pericolosità di stili di vita e di comportamento, ma anche altre figure che generalmente vengono  temporaneamente interessate a questo aspetto come:
  • i nonni
  • le baby-sitter
  • i fratelli più grandi.
La guida completa è disponibile qui, scaricala in formato pdf.

Ecco i consigli per ridurre i rischi di incidente a casa creando un ambiente sicuro

All’interno della guida del Ministero della Salute, i consigli e gli accorgimenti per prevenire e ridurre i rischi di incidenti dei bimbi, variano da età a età.Per ciascuna fascia di età sono indicati i rischi e le misure di prevenzione. Ecco i consigli principali.

  • Appena nato

neoMai lasciare solo il bambino sul fasciatoio o su piani elevati da terra. Prima di iniziare qualsiasi operazione come il cambio del pannolino, è necessario avere tutto a disposizione senza distrarsi fino a quando non si avrà finito.
Controllate sempre l’acqua del bagnetto prima di immergere il bambino. La temperatura ideale è di 37° gradi.

Così come bisogna sempre controllare la temperatura del latte: la tecnica del “dorso della mano” è quella più valida per testare la temperatura.

 

Le sbarre del lettino non devono avere una distanza superiore a 6 cm e un’altezza inferiore a 75 cm ; il materassino deve essere incastrato fortemente sul fondo.

  • A 9 mesi

  • A 9 mesi il bambino inizia a gattonare. È quindi opportuno non creare ostacoli di nessun genere che possano esser rischio di incidenti. Se ci sono scale in casa, è bene provvedere con ringhierine, inoltre:

    • bloccate i mobili bassi con idonei bloccaporte o serrature per evitare contusioni
    • usate i paraspigoli
    • coprite le prese della corrente con apposite mascherine

    Non toglietegli mai lo sguardo di dosso: a 9 mesi il bimbo si alza aggrappandosi, tocca tutto ed esplora qualsiasi cosa possa interessargli, quindi mai abbandonarlo neanche per un secondo.

  • A 18 mesi

  • giochiA 18 mesi il bimbo è curioso, sveglio e veloce: bisogna prestare molta attenzione a quello che fa e quello che mangia. È bene tenere fuori dalla sua portata medicine, cibi non adatti ai bambini e nocivi per la sua salute.

    I giocattoli dovranno esser tutti a norma e non presentare parti piccole e facilmente staccabili che possono esser ingerite.

    Attenzione sempre ai suppellettili sparsi per casa: il bimbo li vede come giocattoli, ma un portafoto, ad esempio, potrebbe trasformarsi in un vero pericolo, soprattutto se il vetro si rompe.

    Grande attenzione anche in cucina: non dimenticatevi nulla sul fuoco, provvedete a proteggere il bimbo dai fornelli con paretine apposite e badate bene che coltelli o forbici non siano alla sua immediata portata.

  • 2 – 3 anni

  • È l’età in cui il pericolo è dietro l’angolo: il bambino non va lasciato mai solo in bagno, soprattutto in presenza di apparecchi elettrici in tensione. Nella vasca usate tappetini anti sdrucciolo.
    Ogni finestra deve esser sgombra da sedie o qualsiasi altra cosa che gli dia la possibilità si sentirsi Spider Man. Gli oggetti piccoli, taglienti o appuntiti e i sacchetti di plastica non devono comparire nelle zone trafficate dal bambino.
  •  4 – 6 anni

  • A questa età i bambini sono “grandi”: saltano, corrono, sono vispi e pieni di energie. Ogni giorno c’è sempre qualcosa di nuovo con cui giocare e far lavorare la fantasia. Bisogna esser sempre molto attenti in casa e fuori:

    Al bambino va spiegato bene il pericolo di indigestione legato all’alcol e ad alimenti pericolosi per il suo metabolismo. E a questa età al parco giochi il bambino non deve mai essere lasciato solo dall’adulto.

La guida completa è disponibile qui, scaricala in formato pdf.
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Commenti

commenti

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altro:
de blasio sindaco new york
In affitto dal Sindaco di New York

Il Sindaco di New York Bill de Blasio è alla ricerca di un nuovo inquilino per il suo appartamento di...

Le agevolazioni per l’acquisto della prima casa

Chi acquista una casa come prima abitazione ha diritto ad una serie di agevolazioni messe a disposizione dallo Stato attraverso...

Chiudi