Rea Group acquisisce il 17,22% di iProperty Group

0

Il Gruppo Rea, di cui fa parte Casa.it, ha annunciato l’acquisizione del 17,22% di iProperty Group, per un costo di 106,3 milioni di dollari australiani (circa 74,3 milioni di euro). iProperty è il portale immobiliare più conosciuto nel Sud Est Asiatico presente in Malesia, Indonesia, Hong Kong, Macao, Singapore e anche in India e nelle Filippine.

Questa acquisizione sostiene la strategia del Gruppo nell’ investire in mercati dove le condizioni sono favorevoli,” commenta Daniele Mancini, general manager European operations di Rea Group e amministratore delegato di Casa.it. “Acquisire le quote di iProprerty permette al Gruppo Rea una partecipazione strategica in uno dei mercati immobiliari con il più veloce tasso di crescita in tutto il mondo, integrandosi con la nostra presenza già attiva da tempo ad Hong Kong e con le iniziative che abbiamo preso in Cina con il lancio del portale MyFun.com e la partnership in Soufun.com.

Questa acquisizione – continua Mancini – dimostra una volta di più l’impegno di Rea Group nel processo di espansione internazionale. Nel settore del Digital Real Estate è importante crescere in maniera organica anche attraverso partecipazioni o acquisizioni di altre web company. Questa riflessione è stata probabilmente è alla base del progetto di acquisizione di Trulia da parte di Zillow, i due più grandi e importanti portali immobiliari statunitensi, che ad oggi risulta essere in termini finanziari la più grossa operazione effettuata in questo segmento di mercato.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altro:
Demi Moore chiede 75 milioni per l’appartamento di New York

Demi Moore mette in vendita il suo appartamento di 3 piani a  New York per la stratosferica cifra di 75...

C’è sempre più voglia di casa «verde»

Gli italiani hanno voglia di una casa «verde», ma nel nostro Paese la bioedilizia deve ancora decollare. E servirà ancora...

Chiudi